Muri del bagno e contenitori in muratura rivestiti con intonaco marocchino


Come ricreare l'atmosfera di un Hammam marocchino 

in un bagno di Milano



Una delle maggiori soddisfazioni da parte di un progettista, per lo meno per quanto mi riguarda, è quella di ricreare l'atmosfera desiderata dal committente. Non sempre è facile capire i “gusti” dei clienti, in particolar modo accontentare entrambi quando si tratta di coppie con gusti differenti, però una volta individuati bisogna lavorare sodo per riprodurre quelle atmosfere e quegli ambienti che ci si aspetta e che rispecchieranno i proprietari di casa.

Quando ci si trova a lavorare con persone aperte a culture differenti dalla nostra è un'opportunità per sperimentare nuove tecniche e soluzioni.

Rivestire i muri del bagno e contenitori in muratura con l'intonaco marocchino, anche chiamato Tadelakt, è la soluzione ideale per ricreare un ambiente caldo e intimo, abbinandolo magari ai colori di un intonaco in terra cruda.

Caratteristiche dell'intonaco marocchino

In origine il tadelakt era considerato il marmo dei poveri, in quanto permetteva di ricreare a costi contenuti quelle stesse superfici continue e lucide proprie del marmo,  impiegato come materiale da rivestimento di bagni e ambienti umidi.
Il tadelakt permetteva infatti di abbattere gli elevati costi del materiale, sostituendoli con materiali di ampio consumo quali la calce e il sapone e bassi costi di manodopera

Le pietre utilizzate sono semplici pietre di fiume molate a lucido

Impermaeabile e resistente, l'intonaco marocchino è attualmente un'alternativa ecologica all'utilizzo della resina e ai prodotti pseudonaturali presenti sul mercato. E' un materiale  naturale e in quanto tale imperfetto. Intonacando a tedelakt un muro o un mobile contenitore in muratura si ottengono superfici “mosse”, con affascinanti chiaroscuri che demarcano l'aspetto artigianale e naturale della lavorazione.

L'intonaco marocchino per mobili contenitori in muratura dalle superfici di rivestimento continue

Vasca in muratura intonacata in intonaco marocchino Tadelakt

Gli spigoli dei contenitori n muratura sono smussati, le forme sono dolci e delicate, l'intonaco marocchino è ideale per mobili in muratura dove non si vuole ricorrere ai rivestimenti in piastrelle in favore di una superficie continua e senza interruzioni o fughe.


Rivestimenti speciali in grès porcellanato per superfici curve
Fonte: DTILE

Pregi e “difetti”dell'intonaco marocchino o tadelakt


E' doveroso segnalare che un intonaco marocchino richiede più cura rispetto a un rivestimento in grès, necessitando di una manutenzione per lo meno annuale con saponi appositi (il sapone nero a base di olio di oliva) o cere naturali, inoltre resiste meno ai colpi rischiando di danneggiarsi.

Consiglio pertanto di utilizzarlo in luoghi non soggetti frequentemente a questo tipo di traumi e acidi, poiché un acido rimuoverebbe lo strato superficiale cerato e perché riprendere a posteriori un intonaco marocchino danneggiato senza che il rattoppo sia visibile è pressochè impossibile, anche con la grande esperienza degli artigiani con cui lavora Lacasapensata.

Sconsiglio inoltre questo tipo di finitura a chi è attratto dall'esotico ma allo stesso tempo esige la perfezione delle superfici, poiché il bello dell'intonaco marocchino è proprio la sua imperfezione.
Tuttavia l'atmosfera calda e organica capace di dare un bagno o un contenitore in muratura rivestito con intonaco marocchino tadelakt è unica.


La lavorazione è lenta dovendo lavorare l'intera superficie con una piccola pietra, liscia come la ceramica, con movimenti circolari e pressando lievemente in maniera da compattare lo strato ancora fresco di intonaco; per questo si giustificano i maggiori tempi di posa rispetto ad altre finiture e se si tratta di superfici complesse il costo più elevato rispetto a un rivestimento ceramico standard.

L'intonaco marocchino si caratterizza per i colori che si ottengono miscelando l'impasto con polvere di marmo e con ossidi. Il suo colore naturale è l'avorio, più chiaro o più scuro a seconda della provenienza della calce, ma la gamma cromatica che si puó ottenere aggiungendo e mescolando ossidi colorati è vasta.

Abbinato a mosaici e intonaci in terra cruda l'intonaco marocchino è ideale per chi desidera un'atmosfera alternativa, calda e intima per la propria casa.

CORNICI PERSONALIZZATE SU MISURA

Cornice realizzata con listoni di parquet in rovere massello da 15 mm


Progettazione e realizzazione di cornici su misura per quadri e specchi  con finiture personalizzate.

A Lacasapensata piace recuperare materiale vecchio o di scarto che altrimenti sarebbe destinato alla discarica, perchè del legno non si butta via niente.

Nella linea proposta è impiegato solamente legno scartato o avanzato dalla posa di parquet nelle ristrutturazioni che seguiamo, colorato con ossidi e coloranti naturali, quali thè, caffè.

Le cornici personalizzate di Lacasapensata sono un prodotto artigianale decorato a mano, per "vestire" i propri ricordi con un abito su misura

Per approfondire i tipi di finiture:

Finitura con VELATURE in grigio 
Finitura zebrata vintage
Finitura anticata

MEGLIO L' OLIO O LA VERNICE PER PROTEGGERE IL PARQUET?


Consigli pratici sulla scelta del trattamento del parquet.


Il parquet è il sogno della quasi maggioranza delle persone che hanno intenzione di ristrutturare casa. Il legno è un materiale insostituibile e capace di donare calore e intimitá agli ambienti di casa, tuttavia poco si sa sulle finiture e sui trattamenti del parquet.
Un pavimento trattato con vernice all’acqua non è lo stesso di un pavimento oliato, basti provare a camminare scalzi su entrambe le superfici per rendersi conto della differenza.

E' meglio l'olio o la vernice per proteggere il parquet? E’ difficile stabilirlo a priori.
 Non esiste la scelta migliore, esiste la scelta piú indicata rispetto a chi andrá ad utilizzare quel pavimento.

Un parquet oliato a mio avviso è esteticamente preferibile rispetto alla finitura all’acqua oltre che piú ecologico, peró è sicuramente piú delicato. L’olio permette di “riprendere” la finitura se riceve un colpo o un graffio, peró si puó macchiare con relativa facilitá, e se non si dedica il tempo necessario alla manutenzione rischia di rovinarsi.

D’altro canto se si ha in casa un cane non me la sentirei mai di consigliare il parquet oliato per ovvi motivi, meglio in quel caso una finitura all’acqua e meglio ancora se spazzolato cosí da rendere i graffi il meno visibile possibile.
E se il pavimento è gia stato acquistato o giá posato non ci si deve preoccupare poichè la spazzolatura si puó fare anche in opera, malgrado non siano molti i posatori in grado di farlo.

Procedimento per trattare a olio il parquet


Parquet in legno di ciliegio massello posato inchiodato su magatelli e oliato
 Inserto in COTTO

Applicare l’olio a un parquet appena posato non è un’operazione cosí rapida come si crede.

E’ vero che la quantitá di olio assorbita dipende dall’essenza del legno e che un’essenza dura come puó essere un rovere richiede meno quantitá di olio rispetto ad un’essenza tenera come un ciliegio. Tuttavia è consigliabile ripetere l’oliatura almeno due volte su un parquet posato da poco.
Parquet in rovere massello incollato su pavimento preesistente, oliato e "a riposo".
Inserto in Grés porcellanato

Una volta che si è preparata la superficie del pavimento e si è aspirato ovunque  polvere e segatura, bisogna dare una prima mano di olio a pennello o a straccio.

Dettaglio del cambio del tipo di pavimentazione Parquet-Grès porcellanato
Dopodichè bisogna lasciare il legno 15-30 minuti a riposo, in maniera che assorba l’olio per poi fare la cosiddetta “stracciatura”, ossia levare con lo straccio l’olio in eccesso.
Si consiglia poi di lasciare riposare almeno un giorno e di dare una seconda mano con la stessa procedura (se l’attesa supera la settimana è necessario carteggiare lievemente prima di dare la seconda mano poichè l’olio presente ha gia iniziato il processo di cristallizzazione).
Nella seconda passata ovviamente andrá meno prodotto perchè il legno assorbirá meno prodotto.
Durante la settimana seguente è vietato poi camminarci se non in calzini.

Per quanto riguarda la manutenzione, un parquet oliato richiede una o due volte l’anno un trattamento con olio rigenerante, mentre ogni volta che si lava bisogna avere cura di non usare prodotti acidi e di diluire nell’acqua di risciacquo un prodotto nutriente e protettivo.


Un parquet oliato si ossiderá maggiormente di un pavimento verniciato nel corso de tempo, diventando piú scuro e marcando le vene.

Per approfondire: TIPI DI PARQUET E POSA

Come sfruttare il sottoscala realizzando mobili contenitori e libreria

Ad ognuno il suo sottoscala

Sfruttare lo spazio di risulta dei sottoscala al meglio è sempre una sfida nei confronti di progettisti e mobilieri, poiché la forma genera dei vincoli nei confronti dei mobili contenitori, sia per la difficoltà di accesso e di utilizzo che per le difficoltà legate alla loro effettiva realizzazione.

Tuttavia, anche se di altezza variabile, il sottoscala è in genere un vano molto profondo ed è doveroso ottimizzarlo al meglio studiando ogni singolo modulo.

Che sia destinato a guardaroba, libreria o cassettiera, ogni sottoscala ha una propria vocazione in base alle diverse necessità dei committenti.

Studio preliminare di progetto del sottoscala da mostrare al committente


Sottoscala e Soprascala Libreria in legno e vetro

Ogni scala è una vera miniera di spazio inutilizzato, in particolar modo quando la forometria della soletta del piano di sbarco copre l'intera lunghezza della scala. In altre parole, ci sono casi in cui per noncuranza durante la progettazione o difficoltà sorte in fase di realizzazione, la scala porta via tanto spazio tanto “al di sotto” quanto “al di sopra”. E' il caso della giovane coppia che volendo ottimizzare solo lo spazio di risulta al piano terra, si è vista proporre l'idea di ricavare una vasta libreria anche al piano superiore, guadagnando in termini di estetica e in maniera tale da sfruttare preziosi metri quadri.




Sottoscala libreria con mobili contenitori a pavimento e appesi al soffitto


Particolari i parapetti in vetro acidato temperato annegato nelle solette con un profilato a U da inserire nella pavimentazione, in maniera tale da ottenere un risultato che bene si coniugava con l'estetica minimalista e moderna di casa.

I mobili contenitori in legno multistrato laccati bianchi si adattano perfettamente alla rampa di salita e superiormente all'intradosso appeso al soffitto del “soprascala” che costituisce la base della libreria del piano superiore.

ARTICOLO COMPLETO SCALE E SOTTOSCALA IN LEGNO

BARRE A LED PER L' ILLUMINAZIONE DI SOTTOPENSILI E SPECCHIERE

Come valorizzare il proprio arredamento con la luce

lacasapensata disegna e segue l'esecuzione in tutte le sue fasi
Cucina progettata su misura, dotata di pensili a soffitto con veletta anti abbaglio


I vantaggi di una CUCINA SU MISURA rispetto a moduli industriali  sono molteplici,l’unicitá degli oggetti prodotti, l’altezza dei pensili realizzabili fino a soffitto guadagnando spazio prezioso, la possibilitá di studiare una illuminazione ad hoc progettando mensole e schermature per evitare la luce diretta..


TOTEM Porta TV. Il mobile si fa lampada
Le barre a LED sono l’ideale per l’illuminazione di sottopensili in cucina o di specchiere in bagno. Una volta installate si ripagano rapidamente consumando notevolemente meno rispetto alle alogene e non necessitando manutenzione alcuna.
 
luci a led sottopensili con ante cin inseti in tela dipinta a mano, cucina su misura assago progettazione
Barra Led superiore comandata da interruttore, barra led sottopensile dotata di comando Touch


LE LAMPADE IN LEGNO PER IL BAGNO



Ovviamente non è necessario realizzare una cucina su misura per installare delle barre a led; una volta predisposto l’impianto elettrico per l’alimentazione dei corpi illuminanti, basta solo applicarle dove si vuole, a incastro in apposite fresate praticate nel sottopensile o se non è possibile modificare la cucina utilizzando del comune velcro come quello del Telepass o del silicone.





Se poi non si vuole mettere mano all'impianto elettrico, collegando solamente la presa del trasformatore e portando una prolunga fino al corpo illuminante, con un comodo ed elegante comando Touch è possibile comandare l'accensione semplicemente sfiorando una estremitá della barra evitando quindi interruttori a parete.
 
Installare una barra a led sottopensile è rapido facilissimo con il velcro 

L’applicazione delle barre led per illuminazione dei sottopensili è tanto rapida quanto pulita.


Le strisce di luce sono continue e senza punti
Cercando un produttore diretto per l’illuminazione dei pezzi di arredamento disegnati dalla Casapensata evitando cosí tutti i passaggi con relativi rincari dei rivenditori, mi sono imbattuto in un vero artigiano della luce. L’impresa Luxelt appena fuori Milano progetta e produce nel proprio laboratorio luci a Led per ogni tipo di necessitá, dalle barre led ai quadrotti per controsoffitti con una diffusione tanto pulita da sembrare lucernari, da luci di design a collari luminosi per proteggere la propria mascotte dalle macchine durante le uscite notturne.

Le barre per sottopensili sono eleganti e sicure, evolute rispetto alle strisce led di importazione cinese che normalmente si vedono perchè prodotte direttamente in laboratorio da Luxelt assmblando materiali di qualitá superiore .

Le luci sono continue, senza punti luminosi, e dalle tonalitá che si preferisce, fredde, neutre o calde.





RISTRUTTURARE CASA CON LA LUCE. Come ingrandire casa senza alterarne la metratura.

STORIA DI UNA CUCINA SU MISURA















LAMPADE IN LEGNO PER SPECCHI DA INCASSO


PIANO TOP IN LEGNO PER PENISOLA




Chi ha detto che le penisole sono adatte solamente alle cucine da rivista patinata?

Le riviste specializzate in arredamento e design di interni di solito propongono ambienti e soluzioni che difficilmente trovano applicazione in normali appartamenti di città.
Affidandosi al laboratorio del mastro Gaetano della falegnameria Creocasa è possibile realizzare una penisola su misura in legno che si adatti ad ogni contesto e che contemporaneamente disponga di mobili contenitori.

La penisola in cucina è ambita e di moda però difficilmente si rinuncia ai pensili e mobili contenitori, quindi perchè non realizzare una penisola dotata di una cassettiera retrattile visibile solamente quando serve?


L'idea consiste nel realizzare un contenitore cassettiera scorrevole in grado di arretrare quando si utilizza il piano in maniera tale che non sia di intralcio alle gambe quando ci si siede. Quando al contrario non si utilizza il tavolo e bisogna riporre tovaglie o quant'altro non si fa altro che avvicinare la cassettiera scorrevole al bordo del piano, in prossimità del quale si fermerà permettendo di aprire agevolmente i due cassetti.

La funzionalità è una delle prerogative di Lacasapensata e Creocasa e come si dice, in mancanza di spazio si aguzza l'ingegno.


La cura del dettaglio e la semplicità delle linee evita pomoli e maniglie, fungendo da maniglia una apposita scanalatura praticata nel lato del frontale.
Il meccanismo è tanto semplice quanto funzionale, grazie a guide e pattini di alta qualità acquistati apposta per il manufatto da realizzare.



Infine una finitura zebrata attribuisce un sapore vintage alla penisola dotata di cassettiera scorrevole, incrementando il valore di un mobile che accompagnerà i proprietari per molti anni.

La sinergia tra Lacasapensata e Creocasa è grande e la passione comune rende ogni mobile unico e prezioso.

IDEE PER DECORARE MOBILI SU MISURA CON FINITURE PERSONALIZZATE


Come decorare i propri mobili e realizzare una 

finitura "vintage "




 Le zebre si distinguono marcatamente dagli altri membri della famiglia per le striature verticali che ne caratterizzano il manto. Non esiste in natura una zebra esattamente uguale ad un'altra, al contrario ogni individuo è unico, così come le impronte digitali differenziano gli esseri umani. 
Le zebre sono animali bellissimi ed eleganti, la cui estetica ha influenzato generazioni di fotografi e grafici dagli anni 50-60. Il bianco e nero non passerà mai di moda,  e cosa c'e' di più perfetto di una composizione che la natura stessa ci ha regalato?




Così come le zebre anche gli alberi si differenziano per l'andamento delle venature, i disegni che formano.

Lacasapensata progetta mobili su misura e sviluppa con i propri clienti idee per decorare l'arredamento su misura con finiture personalizzate. 

Le fasi di realizzazione di una finitura vintage 

 Decorare bianco su nero


Per realizzare la finitura vintage bianco su nero occorre prima di tutto "tirare fuori" le vene del legno che andremo a dipingere. E' necessario quindi spazzolare le superfici con una spazzola di ferro in maniera tale da rimuovere le parti molli del legno. 

Nel laboratorio di Creocasa di Milano il maestro Gaetano mi ha illustrato come realizza questa splendida finitura vintage per decorare i suoi mobili su misura,



Una volta spazzolato il legno del mobile in questione si presenta così, con dei profondi solchi dove successivamente si depositerà la vernice.

Dopodichè si procede a dare una mano di fondo nero, il quale in principio apparirà come uno spesso strato di vernice, per poi ritirarsi una volta asciugato lasciando in evidenza le venature.


Quando lo strato di fondo è ben asciutto si procede a dare il bianco per ottenere poi, una volta asportato la vernice in eccesso, l'effetto zebrato vintage. Il bianco infatti andrà ad occupare i solchi delle vene, mentre lo strato in superficie verrà rimosso riportando in evidenza il nero, dato in abbondanza precedentemente.

Lacasapensata assieme a Creocasa progetta e realizza mobili su misura decorandoli con  finiture personalizzate, perchè ogni pezzo realizzato sia unico e prezioso.

VEDI ANCHE LA FINITURA EFFETTO INVECCHIATO

FINITURA CON VELATURE EFFETTO ACQUARELLO

È POSSIBILE SPOSTARE UN TERMOSIFONE?

Come e quando è possibile spostare un termosifone durante una ristrutturazione

Nuovo scaldasalviette verniciato nero satinato


Spostare un calorifero è possibile, di fatto è uno dei pochi vantaggi rispetto ad un impianto a pannelli radianti , piú vincolante rispetto a modifiche che possono essere necessarie a causa dell’insorgere di nuove necessitá.
Tuttavia non sempre è semplice, bisogna considerare vari fattori.
Per rispondere alla domanda “è possibile spostare un termosifone” bisogna prima di tutto definire quale tipo di impianto di riscaldamento è presente, se autonomo o centralizzato.
Non considerando per ora impianti vetusti come quelli a caduta ma ancora in funzione negli stabili piú datati o i moderno impianti radianti, si puó dividere la casistica principalmente in due.  

Spostare un termosifone con un impianto autonomo:

Nel caso l'impianto di rscaldamento fosse autonomo, è necessario sapere se i caloriferi sono alimentati uno in seguito all’altro, o se la caldaia va ad un collettore che ipotizziamo installato nel disimpegno in mezzo alla casa da cui partono i collegamenti ai singoli caloriferi.
Vantaggio nell’avere l’impianto autonomo se bisogna svolgere questo tipo di lavorazione consiste nel fatto di non dover dipendere dai vicini e di non chiedere permessi all’amministratore.
A questo punto basta chiudere la caldaia, svuotare l’impianto e spostare il termosifone andando a tagliare e risaldare i tubi nella nuova posizione.


COME MODIFICARE L'IMPIANTO E RICAVARE SPAZIO IN CASA

Quanto costa spostare un calorifero?

Nella spesa relativa allo spostamento di un termosifone con impianto autonomo bisogna considerare l’assistenza muraria per il muraggio delle nuove staffe e i vari ripristini compresa la sostituzione di qualche piastrella. Considerando circa 200 Euro per le opere idrauliche, bisogna poi considerare le assistenze e ripristini fino ad arrivare a 300 Euro a calorifero, esclusa la fornitura delle nuove piastrelle nel caso non ci fosse la scorta di piastrelle che è sempre bene tenere da parte.


Ti è utile questo articolo? Fammelo sapere su GOOGLE+ o FACEBOOK

Spostare un termosifone con un impianto centralizzato:

Nel caso l’impianto fosse centralizzato bisogna approfondire la ricerca e definire se si ha un impianto a distribuzione a colonne montanti o un impianto con colonna centrale con collettore e distribuzione orizzontale sottotraccia.

Differenza tra impianto a colonne montanti e impianto orizzontale in un impianto centralizzato

L’impianto centralizzato presuppone l’abbassamento dell’impianto se la caldaia è in funzione, ossia l’interruzione del riscaldamento nel condominio e il suo svuotamento. Bisogna quindi chiedere all’amministratore di organizzare l’uscita dell’impresa che da regolamento si occupa della manutenzione e che si incaricherá di “chiudere il rubinetto”.

E' necessario individuare la presenza o meno di un collettore nell'appartamento

Nel caso fosse presente un collettore, come precedentemente illustrato basta collegare i nuovi termosifoni alle colonne di andata e ritorno. Ovviamente il muro all’interno della quale passano le due colonne è “intoccabile” alimentando sia il piano di sotto che il piano di sopra dell’appartamento.
 
Dal collettore partono tutte gli allacci ai termosifoni
I problemi nascono quando si è in presenza di montanti verticali, poichè limitano di fatto le opere di demolizione e cambio di distribuzione interna non potendo essere spostati (sempre che non si tratti dell’ultimo piano). E’ possibile variare la distibuzione interna con impianti di questo tipo ma in corrispondenza delle colonne bisognerá sempre lasciare delle spallette.
Dai montanti si collegheranno quindi delle nuove valvole in maniera tale da potersi allacciare un volta posizionati i nuovi caloriferi.

L'innesto ai montanti è stato piegato a caldo all'indietro ed è stata  inserita una nuova valvola 

I costi per spostare un calorifero in presenza di un impianto centralizzato sono variabili

Nella spesa relativa allo spostamento di un calorifero con impianto centralizzato bisogna sommare all’uscita dell’impresa che si occupa della manutenzione, l’intervento di piegatura tramite cannello di qualche tubo che puó essere di intralcio e l’assistenza muraria per il muraggio delle nuove staffe e ripristini.

Da tenere in considerazione poi la distanza tra il termosifone vecchio e quello nuovo, le condizioni del termosifone da sostituire, il supporto da scavare per realizzare l’impianto sottotraccia, che puó essere in cemento armato perchè si tratta per esempio della parete del blocco scale,  in laterizio o in cartongesso.
Nel caso fosse cemento armato ovviamente è piú difficoltoso, anche per la presenza dei ferri d’armatura, ma nulla è impossibile.

Spostare un termosifone è possibile, solo sono necessari vari fattori per determinare l’entitá in termini economici della lavorazione.


Cerchi un'impresa per ristrutturare casa o per rifare il bagno a Milano? Dai un'occhiata ai miei lavori e mandami una mail con qualche foto o una pianta, meglio se con qualche misura. 
Senza impegno cercherò di aiutarti con qualche consiglio!


INGRANDIRE GLI AMBIENTI ED ELIMINARE IL CORRIDOIO


 E' possibile ingrandire gli ambienti di casa eliminando il corridoio?

All'ingresso segue il corridoio, doppio spreco di spazio
Non sempre è possibile... il corridoio ha una funzione distributiva e serve a collegare piú ambienti.
Inoltre in Italia la normativa prevede che i bagni siano disimpegnati dal resto dei locali, quindi per intenderci un bagno non puó affacciare su un soggiorno, ma deve essere separato da questo da un disimpegno, altrimenti detto corridoio.
In molti casi peró il corridoio è sovradimensionato, nel caso sottostante c'erano addirittura due disimpegni attaccati, uno che fungeva da ingresso e uno da corridoio, quindi una soluzione da consigliare durante una ristrutturazione è sicuramente la sua riduzione.

E' normale a volte chiedersi se non convenga eliminare il corridoio, a volte basta ridurlo, accorciarlo in maniera tale da allungare una stanza, oppure restringerlo in modo da ingrandire la cucina...


L'unica regola da tenere presente è il rispetto dei rapporti aeroilluminanti, ossia  il rapporto tra la superficie vetrata al lordo del serramento e la superficie calpestabile della stanza.
Il rapporto puó variare leggermente da comune a comune. A Milano deve essere 1/8: quindi la superficie del serramento deve essere almeno 1/8 della superficie del pavimento della stanza.

C'e poi una ulteriore norma che riguarda i limiti di profonditá che deve avere una stanza, ma raramente capita di raggiungere quel livello, l'ostacolo piú grande in questi casi è appunto il rapporto aeroilluminante, e per avere un ambiente sufficientemente illuminato e ventilato bisogna rispettarlo.

Altro fattore da tenere in considerazione è la presenza di aggetti, quali balconi o velette, che facendo ombra limitano l'ingresso alla luce.
La superficie vetrata da tenere in considerazione per il calcolo pertanto si riduce.

La camera da letto guadagna ben 2mq rubandoli ad un inutile corridoio, sono ancora visibili le tracce dei muri demoliti e il cambio della pavimentazione.


La cucina si allunga dello spazio necessario ad infilarci un frigorifero, arretrato rispetto al filo del muro in maniera tale che non sporga.

Eliminare il corridoio non sempre è possibile, ma ridurlo in favore di locali dedicati alla pemanenza e non al semplice passaggio è un concetto da tenere in grande considerazione in una ristrutturazione.





Etichette

.CUCINE SU MISURA MILANO (3) ace (1) agevolazione mobili (1) agevolazioni (12) agevolazioni risparmio energetico (2) agevolazioni 50% ristrutturazioni arredo (1) alvaro siza (1) anticatura legno (3) Architetto (5) architetto agevolazioni fiscali (1) architetto assago (1) ARCHITETTO BIOEDILIZIA (1) architetto milano (2) ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (1) armadio (1) Arredamento (8) arredamento con detrazioni 50% (1) arredamento autoprodotto (1) arredamento milano (1) arredare casa piccola (1) ARREDARE OPEN SPACE (1) arredo bagno (6) arredo bagno in muratura (1) arredo soggiorno (1) arredo su misura milano (1) assago (2) ASSAGO CUCINA SU MISURA (1) assistenza e consulenza tecnica acquisto casa (2) bagno in muratura intonacato (1) bambù (1) BARRE LUMINOSE (1) bioedilizia (2) Bonus Mobili (5) bucare solaio (1) CABINA ARMADIO (1) cambiare le ante dell'armadio (1) cappotto esterno (2) cappotto interno (2) cappotto sughero (2) cartongesso (1) casa luminosa (1) cassettiera appesa (1) cassettoni (1) Catasto (1) certificazione energetica (1) CIAL (1) CILA (1) COIBENTAZIONE TERMICA PARETI PERIMETRALI (1) come realizzare (1) come realizzare finitura vintage (1) COME TRATTARE IL PARQUET (1) compravendita (1) consigli per ristrutturare (1) consigli ristrutturazione (1) Consulenza (1) Consulenze (4) contenitore (1) contenitori su misura (1) cornici personalizzate (1) cornici quadri (1) cornici specchi (1) cornici su misura milano (1) corso falegnameria milano (1) costi (1) costo architetto (1) costo ristrutturazione (1) cubi (1) cucina appesa (1) cucina in legno massello (1) cucina in muratura (1) cucina in muratura milano (1) CUCINA RINNOVATA (1) cucina su misura (2) cupola a stella (1) cupola bambù (1) cupola geodetica (1) decapato (2) decapé (2) decorare il legno (1) demolizioni (1) Deontologia (2) detrazione (1) Detrazioni fiscali (11) detrazioni fiscali milano (1) eliminare il corridoio (2) Esterni (2) Eventi (2) evitare macchie da condensa (1) falegname (1) Feste (2) fiera di osnago 2014 (1) finestra bagno cieco (1) finestra sul tetto piano (1) finitura mobili (1) forare terrazzo (1) Formazione (1) fusione appartamenti (1) gessofibra (1) Giardino (2) guadagnare spazio (2) idee per decorare mobile (1) idee per ristrutturare (1) Illuminazione (2) ILLUMINAZIONE SOTTOPENSILI (1) impermeabile (1) Impresa (9) ingrandire la camera (1) ingrandire la cucina (1) INIEZIONE CELLULOSA (1) iniezione materiale isolante (1) INIEZIONE SUGHERO (1) insufflaggio (2) INSUFFLAGGIO MILANO (2) intercapedini murarie (1) intonaco marocchino milano (1) ISOLAMENTO (2) isolare pareti perimetrali (1) lampada in legno per specchio (1) lampada sopra specchio (1) lavabo in muratura (1) lavabo in pietra (1) LED (3) Legno (5) legno anticato (2) legno invecchiato (2) letti ribaltabili (1) LIBRERIA BIFACCIALE (1) luce in casa (1) luce per bagno in legno (1) luce specchio ad incasso (1) lucernario su lastrico solare (1) LUCI LED (1) macchie nere (1) macchie sul soffitto (1) manutenzione ordinaria milano (1) MANUTENZIONE PARQUET (1) manutenzione straordinaria milano (1) materiali innovativi (1) MATERIALI NATURALI (1) MILANO (2) mobile bagno in muratura (1) mobile bagno in muratura milano (1) mobile in gasbeton (1) mobile rivestito in gres (1) mobili bagno in legno (1) mobili bagno in muratura (1) mobili in legno tamburato (1) mobili in muratura (2) mobili trasformabili (1) modificare impianto riscaldamento (1) Monolocale (1) Monolocali (1) mosaico in marmo milano (1) mostra architettura (1) muffe (1) OLIO PER IL PAVIMENTO (1) Parcella (3) parcella architetto (2) PARQUET IN LEGNO MASSELLO (1) parquet legno massello (1) penisola in legno (1) piani in pietra (1) piano in muratura (1) piastrelle curve (1) planimetria catastale (1) porto poetic (1) pratiche e documentazione per agevolazioni (1) pratiche edilizie (7) preventivo architetto (1) Prima e dopo ristrutturazione (1) problemi di umiditá (1) PROGETTARE CON LA LUCE (1) progettazione (17) PROGETTAZIONE ARREDAMENTO INTERNI (1) PROGETTAZIONE ARREDAMENTO MILANO (1) progettazione arredo bambini (1) progettazione bagno (3) Progettazione e realizzazione stand fieristici (1) progettazione milano (1) progettazione mobili su misura (1) progettazione monolocale (2) progetto online (1) progetto preliminare (3) quanto costa spostare un calorifero (1) Riciclo (2) rifacimento bagno (2) rifare pareti (1) riformare cucina (1) rinnovare ante (1) rinnovare cucina (1) risanamenti (1) risparmio energetico (4) ristrutturare bagno (1) ristrutturare con la luce (1) ristrutturare con le agevolazioni (1) RISTRUTTURARE SENZA OPERE MURARIE (1) ristrutturazione (18) ristrutturazione bagno (2) ristrutturazione milano (2) Ristrutturazioni (4) rivestimento bagno (1) rivestimento cucina (1) robusto (1) scala (1) scala contenitore (1) SCALA IN LEGNO (1) scala soppalco (1) SFRUTTARE IL SOTTOSCALA (1) soprascala libreria appesa (1) sostituire le ante dell'armadio (1) sostituire TOP LOW COST (1) SOTTOSCALA LIBRERIA (1) SOTTOSCALA SALVASPAZIO (1) souto de moura (1) specchiera (1) SPECCHIERE BAGNO A LED (1) spostamento termosifone (1) spostare un calorifero (1) stardome (1) studio nuova distribuzione (1) studio progettazione milano (2) SUDDIVIDERE SENZA MURI (1) tavolo su misura (1) terra cruda (1) torchis (1) umiditá da condensa (1) vassoio (1) verniciatura vintage arredamento (1) visura catastale (1) visura online (1)

Translate